Come prevenire le cadute in casa

14 Dec 2017 Prevenzione
Come prevenire le cadute in casa

Le cadute, specialmente quelle degli anziani, sono un fenomeno abbastanza comune, tuttavia si tratta di eventi potenzialmente prevedibili che, dopo un’accurata valutazione del rischio, possono essere prevenute. Le cause principali sono correlate all’ambiente, all’andatura instabile, alla confusione e a diverse altre patologie specifiche della persona. Inoltre, esistono altri fattori che possono aumentare il rischio di caduta, come l’età avanzata, il sesso (le donne sono maggiormente predisposte), l’isolamento e l’esclusione sociale. Le statistiche dicono che circa il 60% degli anziani cade all’interno della propria abitazione e le conseguenze di queste cadute a volte possono essere anche molto gravi. Alcuni dei danni riportati sono ematomi cerebrali, fratture di anca e femore o del gomito. Dopo la caduta si instaura un meccanismo psicologico abbastanza fastidioso, ovvero la ‘paura di cadere’, che è stato dimostrato portare all’aumento della probabilità di cadere di nuovo.

Come è possibile prevenire questo tipo di incidenti? Per prima cosa, bisogna avere un quadro preciso della situazione clinica dell’anziano, in modo da adottare le dovute precauzioni e limitare i fattori di rischio. Per quanto riguarda l’ambiente domestico, è necessario eliminare gli ostacoli: tappeti, ante e cassetti degli armadi aperti e scegliere delle pantofole antiscivolo. Di notte è essenziale lasciare una lucina accesa soprattutto nelle zone di passaggio verso il bagno, come il corridoio. Un altro luogo di rischio caduta è la doccia: potrebbe essere utile introdurre nel piatto doccia un tappetino antiscivolo e, in linea di massima, cercare di non fare il bagno quando si è soli in casa. Si raccomanda, perciò, di tenere a portata di mano il telefono e non chiudersi mai a chiave in bagno. Se possibile, la persona anziana dovrebbe svolgere una moderata attività fisica in modo da rinforzare la muscolatura, l’equilibrio e la coordinazione.

Come si possono limitare i danni dopo una caduta? La prima cosa da fare è chiedere aiuto contattando un parente o un aiutante. Tenere sempre vicino un telefono cordless o un telefono cellulare e, dopo la caduta, non muoversi, soprattutto se si è battuto il capo. Se non si ha il telefono vicino, battere sul muro per attirare l’attenzione dei vicini. In questi casi, è fondamentale intervenire con tempestività, per limitare i danni.

Nessun commento per questo articolo. Vuoi essere tu il primo?

Lascia una risposta

Devi eseguire il login per poter pubblicare i commenti