Prevenzione tumore seno

Prevenzione tumore seno

In questo periodo prenatalizio dove solitamente il ruolo della donna diventa fondamentale e da molti punti di vista molto stressante, ci focalizziamo su un problema importante: la prevenzione del tumore al seno. In una realtà dove il quotidiano investe le nostre vite lasciando poco tempo a nostra disposizione, è giusto ricavare un piccolo angolo solo per noi, per verificare che tutto stia andando bene e per imparare a conoscere il nostro corpo.  Partiamo con la risposta a questa domanda:  perché fare autopalpazione? Conoscere la fisionomia del nostro seno ci porta a notare in modo veloce e repentino alcuni mutamenti ( noduli per esempio e cambiamenti di colore o forma del capezzolo) che potrebbero salvarci la vita.

Come si affronta un’autopalpazione? Parliamo di  un massaggio che si effettua al seno ogni tanto per valutare come specificato sopra eventuali cambiamenti. È importante imparare a fare l'autopalpazione del seno, per riconoscere eventuali noduli e sintomi in tempo e, se è il caso, sottoporci subito ad una visita ginecologica e a una mammografia. Chi meglio di noi può riconoscere eventuali segnali di allarme? Il nostro corpo ci accompagna tutti i giorni, lo conosciamo centimetro per centimetro, è il nostro miglior amico o il nostro peggior nemico.

Un’altra domanda a cui daremo una risposta è: Quando effettuare l’autopalpazione? Sarebbe ideale una volta al mese ( darsi una scadenza serve per diventare regolari) e non a ridosso del ciclo mestruale. Questo perché durante il ciclo possono formarsi dei noduli che poi con il termine del periodo diminuiscono e spariscono.  Il periodo migliore è almeno 3 giorni dopo il ciclo mestruale.  Per quanto riguarda l’età si consiglia di cominciare verso i 20 anni e non terminare neanche dopo la menopausa. Si sa che il tumore alla mammella purtroppo non ha età e l’autopalpazione può davvero salvarti la vita.

L'autoesame del seno è, prima di tutto, un modo per conoscere meglio l’ anatomia del nostro corpo: infatti quando si conosce una cosa in modo millimetrico, si possono notare i minimi cambiamento (rigonfiamenti, perdite) e farsi visitare da un medico.  L'autopalpazione del seno non deve essere vissuta come un momento ansiogeno, ma come un gesto di prevenzione che testimonia una partecipazione volontaria al proprio bilancio medico. La prevenzione e la diagnosi precoce sono molto importanti per il tumore al seno, ed è importante che tutte le donne lo capiscano fin dalla giovane età.

Chiediamo  al nostro ginecologo di fiducia di insegnarci il metodo migliore per evitare di commettere errori e di non valutare bene la salute del vostro seno. Cominciamo adesso e vedremo che il rapporto con il nostro corpo sarà sereno e profondo.  

 

Nessun commento per questo articolo. Vuoi essere tu il primo?

Lascia una risposta

Devi eseguire il login per poter pubblicare i commenti