Gli alimenti che aiutano la memoria

Gli alimenti che aiutano la memoria

I problemi di memoria possono essere più o meno gravi: può trattarsi di perdite di memoria importanti, o di brevi momenti di “vuoto” che possono capitare in momenti di stress o di tensione emotiva. In ogni caso, se si hanno frequenti perdite della memoria, consigliamo per prima cosa di consultare uno specialista che sia in grado di fare una diagnosi accurata del problema. Per i piccoli problemi, però, la natura ci viene incontro: esistono infatti degli alimenti che possono potenziare la memoria, se questa non è il sintomo di una malattia seria. Per questo ribadiamo ancora una volta che prima di fare diagnosi “fai da te” è necessario sforzarsi nel comprendere la situazione e valutare se è il caso di approfondire con esami specifici.

Dopo quest’importante premessa, vediamo gli alimenti che ci aiutano a potenziare la memoria.

  • NOCI. Con una bellissima forma che ricorda il cervello, le noci contengono polifenoli, nutrienti ideali per prevenire lo stress ossidativo e migliorare le capacità cognitive. Mangiare una manciata di noci al giorno aiuta il cervello a mantenersi giovane e attivo. Nel caso in cui si soffra di sovrappeso, non bisogna eccedere con le noci, tre al giorno sono sufficienti.
  • AGRUMI. Le mille proprietà degli agrumi sono ormai risapute. Limone, arancia e pompelmo, mangiati a digiuno, contribuiscono a migliorare la memoria. Si possono anche assumere sotto forma di succo, tuttavia la parte bianca è ricca di nutrienti importanti. Con l’aggiunta di un po’ di miele per dolcificarle, le spremute sono un toccasana per la nostra salute.
  • MIRTILLI. Hanno delle proprietà potentissime; migliorano la memoria e l’attenzione e favoriscono la carica dell’attività cerebrale. I flavonoidi contenuti nei mirtilli attivano il processo contro l’invecchiamento del cervello, mantenendolo giovane.
  • BROCCOLI. Oltre a migliorare la memoria, i broccoli migliorano anche le abilità nel parlare. Grazie al potere antiossidante, aiutano a combattere i radicali liberi che causano disturbi neurologici. Inoltre, sono poveri di calorie e forniscono un grande apporto vitaminico. Andrebbero consumati anche se il gusto non è il loro punto forte.
  • POMODORI. Molto versatili dal punto di vista della preparazione, i pomodori combattono l’invecchiamento in generale del nostro corpo. Ottimizzano le funzioni cerebrali e contribuiscono a prevenire le malattie neurologiche.

Questi elencati sono solo alcuni degli alimenti di cui il nostro corpo avrebbe quotidianamente bisogno per funzionare meglio. Se vi accostiamo anche uno stile di vita sano, la pratica di uno sport o anche di un po’ di tempo dedicato ad una passeggiata sostenuta, otterremo degli ottimi risultati in termini di funzionalità cerebrale.

Nessun commento per questo articolo. Vuoi essere tu il primo?

Lascia una risposta

Devi eseguire il login per poter pubblicare i commenti