salute del seno

La Salute del Seno in Quisisana

Ancora oggi il tumore della mammella colpisce una donna su otto ed ogni anno vengono diagnosticati solo in Italia circa 50.000 nuovi casi.

Se da una parte infatti è vero che parliamo di una diagnosi che spaventa, dall’altra sappiamo che grazie alle numerose ricerche e ai molteplici programmi di prevenzione e sensibilizzazione sostenuti negli ultimi anni il tasso di sopravvivenza è aumentato fino all’87%. Diagnosticare in tempo, quindi, aiuta ad evitare la diramazione delle cellule cancerose.

Da sempre sensibile al tema della prevenzione, la Casa di Cura Quisisana ha attivo al suo interno un programma “personalizzato” di prevenzione del tumore della mammella.

La particolarità di questo programma è, oltre all’esame clinico, lo studio combinato di mammografia ed ecografia il quale comporta un implemento rilevante dell’accuratezza diagnostica: circa l’85% delle problematiche, nei casi dubbi, vengono risolte effettuando uno studio con risonanza magnetica.

Se attraverso l’RM dovesse venir dimostrata l’esistenza di una lesione, sarebbe possibile  procedere ad una biopsia su guida ecografica, ossia sotto guida RM nelle lesioni dimostrate soltanto con la Risonanza Magnetica.

Vista l’incidenza tumorale mammaria e la prospettiva di vita del sesso femminile, consigliamo il programma di “prevenzione personalizzato” a tutte le donne a partire dai 40 sino ai 75 anni sottolineando sempre l’importanza di una regolare autopalpazione già dai 20anni.

    RICHIEDI INFORMAZIONI




    Con la compilazione del presente modulo autorizzo, ai sensi e per gli effetti degli artt. 13 e 23 del D.Lgs. n.196/2003 e successive modifiche ed integrazioni del D.Lgs 101/2018 (adeguamento al regolamento UE 2016/679 - GDPR), Eurosanità S.P.A., al trattamento dei dati personali forniti, per le finalità gestionali necessarie alla ricezione e lavorazione della suddetta richiesta.

    AVVISO ALL'UTENZA

    La Clinica Quisisana non effettuerà tamponi antigenici
    a pagamento per utenti esterni.

    La decisione è stata comunicata alla Regione Lazio ed è motivata dalla necessità di garantire la sicurezza dei pazienti della clinica.